Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

 

Dal 13 al 15 dicembre si terrà all’interno della Casa Circondariale di Spoleto il primo torneo a tempo lungo di scacchi omologato sia dalla FSI (Federazione Scacchistica Italiana) che dalla FIDE (Federazione Internazionale degli Scacchi). L’evento permetterà ai partecipanti di conquistare il passaggio a categoria superiore e sarà a conclusione di un ciclo di lezioni all’interno del progetto “Sport in carcere” organizzato dal CONI. Ne prenderanno parte sei detenuti del corso e sette giocatori esterni proveniente da tutta la regione. Tra le autorità presenti, che hanno saputo cogliere l’importanza del torneo, ci sarà il Sindaco di Spoleto, Umberto De Augustinis, il Presidente del CONI Umbria, Domenico Ignozza e il Grande Maestro di Scacchi, Roberto Mogranzini.

La manifestazione però non è la prima che viene organizzata infatti, già nel 2016 (secondo anno del progetto), il carcere ha ospitato il primo torneo rapid che ha visto la partecipazione di diversi giocatori di taratura internazionale. Ad oggi i detenuti del progetto possono vantare nella loro esperienza “agonistica” diversi tornei omologati dalla FIDE e la partecipazione in serie C nel Campionato Italiano a Squadre della FSI.

L’evento però più importante è ancora in attesa di una data certa. Infatti l’istruttore FIDE, Mirko Trasciatti e l’organizzatore FIDE americano, Mikhail Korenman, stanno collaborando per la realizzazione di un match internazionale tra il carcere di Chicago e quello di Spoleto. Attualmente i due Istituti penitenziari stanno già giocando un match amichevole per corrispondenza, nella speranza che, a breve, questo possa trasformarsi in un match live, dove i detenuti potranno vedersi “face to face”.

Tutto questo è stato possibile grazie alla collaborazione del Direttore del carcere, Luca Sardella e del suo staff (l’educatrice e co-responsabile del progetto, Sabrina Galanti e l’ispettore co-responsabile del progetto, Edoardo Cardinali) che hanno sostenuto il progetto offerto dal CONI e le idee organizzative dell’istruttore del corso, Mirko Trasciatti.

bann sportdiclasse

Banner 2